Spensieratezza...

Penso che la spensieratezza di un bambino sia un dono, che vada protetto, coltivato, difeso...


Non voglio che mio figlio bruci le tappe prima del tempo, non mi interessa che raggiunga traguardi che non fanno parte della sua età, non mi interessa che quando andrà a scuola diventi il primo della classe.
Vorrei solo che mantenesse la sua spensieratezza e la sua "leggerezza" di bambino più a lungo possibile!
Credo che, avere avuto un'infanzia felice sia una marcia in più per quando si diventa grandi, quel tassello che, se c'è, ti fa superare meglio gli ostacoli che la vita ti pone davanti, quella forza in più che hai dentro, senza sapere di averla. 
Penso che un'infanzia felice fortifichi il carattere e dia quella fiducia in se stessi che nessuno, tranne te, ti può dare.

Ma si può trovare un equilibrio tra il difendere la spensieratezza del proprio figlio e l'insegnargli allo stesso tempo a diventare un individuo autonomo? 
C'è un limite tra l'essere genitori affettuosi ed il mantenere allo stesso tempo la propria autorevolezza? 
Quand'è che baci, abbracci e coccole cominciano a perdere il loro significato e ad essere dati per scontati? 
Certe volte davanti a capricci improvvisi, impetuosi e immotivati, mi ritrovo in bilico tra il volere seguire il mio istinto di mamma ed il meditare invece qualche speciale tattica psicologica.


Forse a volte la dimostrazione spontanea ed autentica dei propri sentimenti non ripaga neanche con i propri figli e questo un po' mi rattrista.

Come genitore, devo imparare ed accettare che anche i capricci fanno parte del "gioco di diventare grandi" ed anche i capricci aiutano a crescere e a diventare autonomi. 
Basta solo avere la fortuna di avere un genitore che abbia la forza di dire di no, al momento giusto, perchè anche i "no" aiutano a diventare grandi!


Perchè poi alla fine poi, passa tutto, si fa la pace e si ritorna a giocare spensierati come prima!


Tutte le foto sono soggette a copyright. Non permetto la loro riproduzione per alcun motivo. 

15 commenti:

Inco ha detto...

Ciao carissima..complimenti per la tua piccola star!! E' bellissimo e dal cuore tenero. vederlo così libero e respirare un pò di aria buona, ti riempie di gioia. Ti abbraccio forte . Buon pomeriggio.
Inco

Casale Versa ha detto...

Mamma bella e dolce.. di una cosa sono sicura.. tuo figlio quando leggerà le tue parole tra diverso tempo di una cosa ne potrai esser certa.. sarà ESTREMAMENTE riconoscente e grato per la sua educazione, per i suoi sorrisi e per la sua infanzia. Sei una brava mamma.. una mamma che ha creato un bambino bellissimo! un abbraccio, forte forte!

Casale Versa ha detto...

Cara Clara sono Valeria (la piccola di casa) autrice del blog e con una altissima considerazione di te! ;D

Anonimo ha detto...

il diritto sacrossnto dei bambini é... quello di essere bambini! Con tutti i loro capricci, le loro ostinazioni, i loro meravigliosi sorrisi e gli impagabili abbracci. Le mamme e i papa' perfetti non esistono.... Noi li abbiamo generati e siamo il loro importante punto di riferimento con i nostri rimproveri, le nostre regole (giuste e sbagliate) e con tutto il nostro amore. Avanti cosi' con tutti i nostri dubbi e le nostre paure ma sempre con un caldo abbraccio ed un bacio per loro! Un grazie sincero per i tuoi spunti di riflessione...

serena (io imparo con la felicità) ha detto...

non capisco quale nesso vedi tra la spensieratezza e l'autonomia. anzi, io credo che più un bambino è autonomo, nel rispetto della sua età e delle sue capacità ovviamente, più può essere spensierato. penso che la spensieratezza sia legata alla sicurezza in se stessi, è una leggerezza che deriva dalla sensazione di non doversi affannare per tenersi stretti delle conferme, penso.
i capricci fanno parte della ricerca dell'autonomia, e i paletti dei genitori sono sostanziali, sono d'accordo con te. però penso anche che dopo la tempesta c'è tutto lo spazio per il calore, il confronto e se necessario la spiegazione.
forse non sono poi tanto gli scontri a fare la relazione, ma come viene gestito il dopo, che secondo me deve essere sempre caldo e accogliente!
un abbraccio

clara ha detto...

@Inco: grazie cara Inco, sei sempre troppo carina! Le foto sono della nostra settimana a casa dei nonni; eh già, ci voleva proprio un po' di aria buona e di spensieratezza! Bacioni a buon fine settimana!
@Valeria: come ti ho detto, cara Valeria, il tuo commento mi ha riempito di gioia! Grazie mille! E poi sono davvero lusingata sul fatto della considerazione! Un complimento bellissimo; spero di meritarlo!
@Anonimo: un grazie sincero da parte mia a te per queste belle parole! Mi dispiace che non ti sei firmata, ma sono felice di essere stata compresa così bene con le mie riflessioni! Grazie!
@Serena: io come spensieratezza intendo il non essere oberato dai doveri, il non dover competere a tutti i costi, il non dover dimostrare di essere più bravi degli altri... Come ho detto, vorrei che questa durasse il più possibile. Ma come fare? Spianando la strada a mio figlio, evitandogli di imbattersi prima del tempo in ostacoli più grandi di lui? Nutrendolo di amore, cosicchè possa farcela, quando sarà il momento? Forse sì, proprio facendo così, ma a volte essere troppo protettivi limita l'autonomia del proprio figlio. Così si produce l'effetto contrario: spensierato, ma nato con la camicia, abituato ad avere la pappa pronta, abituato ad essere aiutato e quindi poco autonomo. Questo è quello che non vorrei ottenere e sulla ricerca dell'equilibrio sto lavorando!

Anonimo ha detto...

io anonimo sono tiziana marsella direttamente da facebook. Ho piu' dimestichezza con i lavoretti manuali piuttosto che con la tecnologia... M'é partito la selezione su anonimo e ora chissa' su cosa mi partira' con questo commento ;)))))

clara ha detto...

@Tiziana: grazie mille Tiziana! E' bello sapere chi mi legge! Buona giornata!

Le creazioni di Marzia ha detto...

La penso come te....anche se è veramente difficile gestire capricci e autonomia. Si sa il mestiere di genitore è il più difficile del mondo.

Tuo figlio è una meraviglia !

Baci
Marzia

Silvia Mammabook ha detto...

Secondo me aiuta sapere che si può andare avanti e provare, e che comunque vada nessuno leverà le coccole...
Quanto ai capricci, è un'età difficile. Solo che ancora devo capire quale età non lo è... ma Alessio dorme ancora il pomeriggio?

Silvia Mammabook ha detto...

Dimenticavo: bello il nuovo banner!

clara ha detto...

@Marzia: grazie Marzia! Hai ragione, ci siamo scelte un mestiere difficile... non si finisce mai di imparare, neanche con i figli! ;-)
@Silvia: ma sì, l'importante è provare ed imparare dagli sbagli e le coccole ci sono sempre e sono sempre tante! Come ti già ho detto Alessio dorme nel pomeriggio, ma questo comporta che non vada mai a letto presto la sera; quindi non so se è un bene o meno, ma visto che quando era piccolo non dormiva mai nè di giorno nè di notte, ora mi ritengo fortunata!
Mi fa piacere che ti piaccia il banner!

Enrica - Vado...in CUCINA ha detto...

Ciao Clara, concordo pienamente con quello che dici, nella crescita dei miei figli sono stata e sono un accompagnamento a volte invisibile, mentre altre volte prendo il timone e correggo la rotta, ad un certo punto poi quando sono più grandi vedrai che i principi fondamentali che hai trasmesso loro con parole ma sopratutto esempio li avranno fatti propri e questa è una grande soddisfazione come genitore.
tuo figlio è bellissimo complimenti
ah per il post non c'è problema io sono solo stata felice nel dartelo il premio
baci

clara ha detto...

@Enrica: grazie Enrica! Il tuo commento è molto rincuorante e si vede che hai già raccolto dei buoni frutti! Brava! Spero di avere un giorno anch'io soddisfazioni di questo tipo! E grazie ancora per il premio! Baci

elena fiore ha detto...

Che bella l'immagine del tuo piccolo che porge il fiore!...E, che fatica essere genitori...ne so qualcosa anch'io, dato che la mia va verso l'adolescenza :-)
Ce la faremo mai?
Ma si, ma si :-))) !!!
Ciao e buona febbre del sabato sera ;-)
elenita°*°

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...