mercoledì 16 aprile 2014

Uovo nel nido di erbette con pomodoro, acciughe e patè di olive

Sono stata così presa dai preparativi per la festa di Alessio, che non sono riuscita a fare molti esperimenti in cucina ultimamente. Vorrei però augurarvi la Buona Pasqua con una ricetta che può andare bene per queste festività. Anzi, avete già deciso che menù fare?
Io, ve lo dico, in questa occasione ho deciso che preparerò il meno possibile e farò cose quanto più semplici... sono così stanca che proprio non ce la posso fare stavolta. Beh, speriamo di riposarci tutti un po' in questi giorni, dai... Voi che dite, ce la possiamo fare???

Ma eccovi il mio ultimo nido.


Fortemente inspirata da una ricetta trovata sull'ultimo numero di "Sale e Pepe", (che non ho potuto non personalizzare, mettendoci qualcosa di mio, almeno nella forma se non nel contenuto - lo sapete che non resisto!) mi sono subito messa all'opera ricavando dei nidi molto gustosi e succulenti! Quelle erbette saltate, insieme al pomodoro, messe sotto l'uovo, offrono un bel "umidino", saporito da qualche acciughina e dal patè di olive...
Volete saperne di più?


Eccovi la ricetta.

Uovo nel nido di erbette con pomodoro, acciughe e patè di olive (x ogni nido)
3 fette di pan cereali
erbette miste con cime di rapa
qualche fetta di pomodoro ramato
scamorza
acciughe sott'olio
patè di olive
spicchi di aglio
olio e.v.o.
burro (solo per imburrare le tegliette)

Con un coppapasta ho ricavato 3 dischi di pan cereali; ho messo un disco sul fondo della teglietta, leggermente imburrata, ed ho tagliato gli altri due a metà, che mi sono serviti per realizzare i bordi del nido.
Ho rosolato gli spicchi di aglio ed ho saltato le erbette e le cime di rapa finchè non sono diventate piuttosto morbide; pochi minuti prima della fine cottura ho aggiunto alle erbette due acciughine sott'olio tagliate finemente. Ho messo le erbette tutto attorno ai bordi, ma non sul fondo.
Ho tagliato delle fette di pomodoro, che ho messo ancora attorno ai bordi.
Ho riposto qualche fetta di scamorza sul fondo a contatto con il pane.
Ho rotto un uovo all'interno dell'incavo di erbette e di pomodoro ed ho condito il tutto con qualche cucchiaino di patè di olive.
Ho messo in forno già caldo ed ho fatto cuocere per circa 20 minuti a 180°.
Ho grattugiato un po' di scamorza sopra i nidi ed ho rimesso per qualche minuto in forno spento per fare sciogliere il formaggio.
Ecco fatto! Si sformano e si gustano!

Vi lascio altre ricette simili, che possano andare bene per Pasqua.

1. Cestini di crepe con asparagi e gamberi
2. Eggs and bacon alla Martha Stewart
3. Uovo nel nido di patate
4. Uovo nel nido di crepe verdi con porri, asparagi e spinacini

TANTISSIMI AUGURI DI BUONA PASQUA A VOI E ALLE VOSTRE FAMIGLIE E GRAZIE DI CUORE PER I VOSTRI CALOROSI MESSAGGI! 
NON VEDO L'ORA DI STACCARE UN PO' DA TUTTO PER TROVARE IL TEMPO DI FARMI UN GIRO PER I VOSTRI BLOG E FARVI UN SALUTINO!
Un abbraccio!

sabato 12 aprile 2014

Festa di compleanno di Spiderman al parco

Ed eccoci finalmente all'epilogo e al resoconto di com'è andata la festa di Spiderman al parco.
Sono già passati due giorni ed io ancora devo riprendermi... è inutile negare che è stato molto faticoso, ma sono molto contenta di com'è andata!
Volete un consiglio da chi ci è già passato?
Non è mai troppo presto iniziare con i preparativi! Specialmente se, come me, vi dovete destreggiare tra impegni lavorativi e di vario genere ed avete poche ore al giorno da dedicare alla preparazione della festa. Se poi non potete contare sull'aiuto di nessuno ed avete un budget limitato da spendere, allora le cose si complicano, quindi iniziate ancora prima, mi raccomando!
C'è però da dire che mica le idee su cosa fare vengono subito! A me per esempio molte idee sono venute all'ultimo, dopo che mi ero studiata un po' di roba per cercare di svolgere al meglio il "compitino" Spiderman, assegnatomi dal mio nanetto... ricordo che il tema l'ha scelto lui, giustamente!

Ma poche chiacchiere, vi lascio alla visione di alcune delle tantissime foto che ho fatto. Vi mostro però solo il mostrabile perchè, come ho già detto nel post precedente, non voglio urtare la sensibilità altrui, visto che non tutti i genitori dei bambini invitati possono essere felici di vedere le faccine dei loro bimbi ben riconoscibili e spiattellate così sul web. Non è stato quindi semplice fare una raccolta di immagini in modo da darvi un'idea di ciò che è stato, ma spero di esserci riuscita.
Buona visione!


BUONA DOMENICA!!!

Tutte le foto sono soggette a copyright. Non permetto la loro riproduzione per alcun motivo. 

venerdì 11 aprile 2014

Devil's food cake con bandierine di Spiderman

Sono fuori dal tunnel-lellèlellè del divertimento...
Ohhhh, festa di Spiderman fatta! Tutti felici e contenti, anche se mi sento come se mi fosse passato sopra un treno, ma la soddisfazione è stata tanta e soprattutto sono contenta di ritornare alla normalità e di ricominciare a dedicarmi a fare altro e a riprendere le cose che ho trascurato in questi giorni (il blog per esempio).
Ho da farvi vedere un bel po' di cose della festa, ma mettere in ordine tutto non è facile, anche perchè non posso mostrarvi le foto dei bambini invitati, per rispetto loro e dei loro genitori. Quindi devo fare una selezione, sperando che riesca a darvi un'idea di quel che è stato.

Ma iniziamo dalla torta! Eccola! 
La foto, fatta precipitosamente pochi minuti prima di andare al parco per la festa, non le rende giustizia, perchè questa torta è davvero meravigliosa! Non perchè l'abbia fatta io ovviamente, visto che stavolta non ho inventato niente, ma perchè meravigliosa è la ricetta, se non la conoscete! Io non la conoscevo ed è stato subito amore!
Sono stata indecisa fino all'ultimo su che tipo di torta fare. Veramente sin dall'inizio pensavo che avrei fatto una torta decorata con la pasta di zucchero; ma poi, tra che di tempo ce n'era ben poco per mettersi lì a modellare, tra che mi dà noia vedere mettere da parte mezza torta, come di solito succede con le torte in pdz, alla fine mi sono imbattuta nella ricetta di questa torta super-mega-cioccolatosa, vero cibo per piccoli diavoletti!
Avreste infatti dovuto vedere l'espressione di tutte quelle faccine quando l'hanno vista! Nessuno si è potuto trattenere dall'allungare il dito e prendere un po' di cioccolato. Una bimba si è pure leccata la candelina, dopo che Alessio aveva soffiato!


La ricetta l'ho presa qui. Io però ho bagnato leggermente gli strati con della panna liquida dolcificata con dello zucchero a velo ed ho aggiunto delle fragole in abbondanza nei due strati di farcitura all'interno, che hanno dato un po' di freschezza alla torta, smorzando il suo gusto molto pieno di cioccolato.

Però, visto che si trattava di una festa dell'Uomo Ragno, in qualche modo dovevo infilarglielo anche nella torta! Così mi sono inventata un cake-topper con le bandierine (per vedere come si fanno le bandierine andate qui).

Per farlo ho dovuto sacrificare una pagina di un libro di Spiderman ovviamente e 2 piccoli adesivi dello stesso libro, ma Alessio non se n'è neanche accorto ed io sono stata contenta del risultato! Voi che ne dite?

A presto con la continuazione del racconto della festa...


Continuate a partecipare al CONCORSO DI IDEE - FESTE PER BAMBINI, mi raccomando!!!
L'elenco è in continuo aggiornamento, anzi, adesso che mi sono liberata della festa, vado subito ad aggiornare... ciaooooo!!! ;-)

Link a questo post:
Cake-toppers-ideas

domenica 6 aprile 2014

Spiderman pinata

Lo confesso, mi sta venendo un po' di "strizzetta" ed ho paura di non farcela a preparare tutto per giovedì...
In effetti sarebbe meglio essere realisti e non megalomani! Da sola e con poche ore al giorno da dedicare alla preparazione della festa posso fare, ma limitatamente. Quindi devo pensare a come ottimizzare il tempo e su cosa è meglio che mi concentri.
Per esempio, l'anno scorso avevo preparato da mangiare tutto io senza comprare niente ed, anche se erano tutte cose molto semplici, ci avevo perso comunque molto tempo. Tra l'altro, avevo preparato troppo e, nonostante i bambini avessero gradito, era rimasta un bel po' di roba; infatti alla fine della festa avevo fatto a tutti un "fagottino" da portare a casa. C'è anche da dire che la maggior parte delle volte i bambini, se hanno da divertirsi, l'ultima cosa a cui pensano è il cibo. Quindi stavolta, visto che di tempo non ne ho per stare in cucina, mi dedicherò solo alla torta e comprerò tutto il resto. Penso...

Per i giochi siamo in corso d'opera ed anche lì credo dovrò fare delle scelte. Del resto la festa durerà 2-3 ore e, se metto troppa carne al fuoco, finisce come l'anno scorso che fino a sera erano ancora tutti lì che piangevano che non se ne volevano andare a casa!

Intanto il "pezzo forte" è terminato!

Una pignatta, pinata, pentolaccia... (insomma come diavolo si chiama ancora non l'ho capito), piena di caramelle & co. pronta per essere presa a mazzate dai bimbi! 

Devo dire che non è proprio una cosetta velocissima da fare, ma meno male che ho avuto l'aiutante!


L'occorrente per farla è:
  • palloncino
  • carta di quotidiani
  • forbici
  • colla vinilica
  • acqua
  • pennello
  • spillo
  • carta crespa
  • taglierino
  • cartoncino
  • pennarello nero a punta grossa
  • cartone e gruccia (per appendere la pignatta)
Ecco i vari passaggi.

1. Ho tagliato a strisce i fogli di quotidiano.
2. Ho diluito la colla vinilica con un po' di acqua.
3. Ho distribuito uniformemente le strisce di giornale sulla superficie del palloncino, spennellando con la colla, fino a creare un guscio composto da numerosi strati di carta.

4. Dopo aver atteso 2 giorni la completa asciugatura (forse ci vuole anche meno), Alessio ho bucato con uno spillo il palloncino e lo ha fatto uscire dal buco. Fase divertentissima! Dovreste sentire il rumore che fa mentre il palloncino si stacca dal guscio: troppo forte!
5. Alessio ha riempito il guscio di tutto quel che c'era.
6. Ho richiuso il buco con altre strisce e colla, ho fatto asciugare ed ho risvoltato il guscio. La forma ovale del guscio deve simulare una testa e quindi la parte più arrotondata del guscio corrisponde al capo e quella più appuntita corrisponde al mento: per questo ho risvoltato il guscio. Poi ho praticato una fessura con un taglierino, entro la quale ho inserito il gancio di una gruccia, tenuta con del cartone (metodo trovato qui)

7. Ho tagliato delle strisce di carta crespa, dalle quali ho ricavato delle frange.
8. Ho incollato le strisce a frangia l'una sotto l'altra.
9. Ho disegnato su di un cartoncino le sagome delle fessure degli occhi della maschera e le ho incollate. Infine con un pennarello nero a punta grossa ho disegnato la ragnatela.

Devo dire che l'effetto estetico della pignatta mi piace e a voi?
Spero solo che poi all'atto pratico delle mazzate, la cosa funzioni e che duri quanto deve durare! ;-)
Ho anche comprato per l'occasione un mattarellone, ma ho idea di avere esagerato con le dimensioni e che i bambini non siano in grado di tenerlo. Boh, forse è meglio provare con il manico di scopa... meno pericoloso, secondo me! Voi che consigliate di usare? Attendo vostri consigli!

E' tutto per adesso!
BUON INIZIO SETTIMANA A TUTTI e a me...
La mia sarà di fuoco! 

Vi ricordo di continuare a partecipare al Concorso di idee - Feste per bambini.
Sta venendo su una bellissima raccolta! Grazie mille a tutte le partecipanti!

Diario di una Creamamma

domenica 30 marzo 2014

Invito per una festa di compleanno di Spiderman

Ehilà! Buona serata a tutti, come state?
Qui si lavora di brutto, perchè i preparativi sono già iniziati! Di cosa?
Ma del compleanno, no? Forse qualche lettrice affezionata se ne sarà accorta: ebbene, in realtà il fanciullo è diventato un 4enne già da mo'. Abbiamo festeggiato in famiglia, andando a trovare a Firenze il nuovo cuginetto arrivato da poco. Ma la vera festa con i suoi compagnetti di scuola gliela voglio fare assolutamente, quindi sono qui che lavoro come una matta, visto che il tempo stringe e devo incastrare tutto!
  • Già scelta la location. La scelta è per forza di cose obbligata; la festa si fa al parco, come l'anno scorso, che tra l'altro è stato un vero successone! A casa è impossibile e di pagare cifre esorbitanti per posti, il più delle volte squallidi, non ci penso neanche. Quindi, fuori all'aperto è la cosa migliore e poi con l'ora legale ci sarà più luce e si potrà stare un po' di più fuori (anche per questo ho aspettato). Rimane però sempre l'incognita del meteo. Come saranno le previsioni per le prossime settimane?
  • Comunque anche il giorno e l'ora ormai sono decisi; si fa all'uscita di scuola in mezzo alla settimana, così becco tutti e non rischio che vadano via per il w-end (a Milano così è). Dovrò fare i salti mortali per organizzarmi con il lavoro! E se piove, pace: la rimando di qualche giorno e la faccio nel w-end.
  • Scelto anche il tema, come avete letto dal titolo. Non mi piace! Non mi piace proprio, ma lui ha scelto così e cosa gli dicevo? Di nooo? Così, minimamente ispirata, mi sono messa alla ricerca di ispirazione per feste del genere e fortunatamente sul web c'è il mondo, quindi penso che bene o male me la posso anche cavare.
Bene, allora iniziamo. Dopo aver fatto le prime scelte essenziali, direi che si possa partire!
Ecco allora il biglietto di invito, molto ispirato da questo trovato qui.


Molto semplice ma diretto. Niente a che vedere con quello dell'anno scorso, che sinceramente a me piaceva di più, che proprio sapeva di bambini e di parco. Ma che ci vogliamo fare? 
Se vuole Spiderman, che Spiderman sia!
Veramente ai miei tempi si chiamava Uomo Ragno, e vabbè...

Per farlo, ho scaricato gratuitamente:
  • da qui, la ragnatela
  • da qui, la testa di Spiderman
  • da qui, il font del nome e del numero
Così, se tante volte vi capitasse di dover organizzare una festa dell'"Uomo Ragno", sapete come fare per realizzare un invito personalizzato fai da te! Anche se in realtà sul web se ne trovano a bizzeffe di già pronti.

Vi ricordo di partecipare in massa al Concorso di idee - Feste per bambini!
I progetti già partecipanti li trovate qui.
VI ASPETTO!


martedì 25 marzo 2014

Marionetta con tappi e cannucce di plastica

E' solo un'idea, un esperimento che può essere migliorato... ed anzi, come vedrete, ci ho anche provato.
Ma ecco la prima versione.
E chi l'aveva mai fatta una marionetta? 
Mai balenato in testa! Solo che quando mi viene un'idea, la devo assolutamente mettere in pratica ed il fatto di fare qualcosa che non so fare, rende tutto molto più divertente. Almeno per me...
E poi se quello che faccio viene anche apprezzato dal mio bimbo, mi fa sempre pensare che valga la pena provarci, per avere un risultato così, nooo?

                                            Hanno fatto colazione insieme con latte e biscotti...
E poi il nuovo amico si è fatto un bel giretto a tutta birra sul monopattino, guidato da Alessio sulla via di scuola. Non capita a tutti di avere come passeggero un tipo strano così!


Ma ecco cosa ci vuole per farlo:
  • tappi di plastica di vari colori e di varie circonferenze
  • cannucce
  • 2 stecchi di legno
  • fil di ferro
  • spago
  • occhietti
  • pinza a punte tonde
  • tronchesino e/o forbicine
  • pistola e colla a caldo

I passaggi sono piuttosto intuitivi.
Quello che vedete nella fig. 5 è una gamba ed un braccio della marionetta.
Nella fig. 6 si incollano con la colla a caldo i due stecchi di legno, che poi si tengono uniti con lo spago. I due stecchi si bucheranno con la punta delle forbicine, o con quello che volete, e lì si farà passare lo spago per creare tutte le connessioni. (pardon, non c'è la foto di questo passaggio!).
In realtà le versioni che ho provato sarebbero tre.
Nella primissima versione, che qui non vedete, avevo scomposto le braccia e le gambe in 2 parti, ma la cosa nel mio caso non funzionava e le connessioni si bloccavano; così ho pensato di semplificare, realizzando braccia e gambe in un unico pezzo.

Su dove mettere i fili per fare muovere la marionetta, nella prima versione si muovevano solo le gambe (prima foto di questo post), ma nella seconda versione lo "strano figuro", qui sotto, bene o male riesce anche a farsi uno strano balletto muovendo maldestramente braccia e gambe (ho legato braccia e gambe separatamente, collegandole con gli stecchi di legno). Però devo dire che muoverlo per bene è più difficile di realizzare l'intera marionetta. Boh, forse è una questione di allenamento. Voi ne sapete qualcosa?
Fatemi sapere. Nel frattempo però Alessio si diverte a farlo ballare... ed io a sbrogliare i fili, ahahaha!


BUONA SERATA A TUTT!

p.s.: abbiate pazienza se non ho ancora risposto a tutti i vostri commenti, però vi leggo e vi rileggo tutti tutti! Solo che la giornata non basta mai! Ma ora mi impegno, eh, sono lenta come un bradipo, ma mi impegno! 
Un abbraccio!

sabato 22 marzo 2014

20 cake toppers ideas

Buon sabato a tutti!
Manca ancora 1 mese alla fine del Concorso di idee - Feste per bambini e ci avviciniamo già quasi ad una sessantina di progetti in raccolta, che potete anche trovare nella board di Pinterest, dedicata all'iniziativa ed in continuo aggiornamento!
E' inutile dirvi che sono stra-felice del vostro entusiasmo, che spero continui fino alla fine (22 aprile). Quindi accorrete ad alimentare la mia e soprattutto la vostra raccolta, condividendo QUI le vostre idee e non dimenticate che dopo il 22 aprile ci sarà l'estrazione di un premio di ringraziamento per la vostra gentilezza e partecipazione.

Avevo detto che anch'io avrei fatto la mia parte, così eccomi con un post di ispirazione (fuori concorso): una raccolta di "cosine" allegre, colorate e sbrilluccicose da mettere sulle torte, anche le più semplici, per renderle davvero uniche! Ce n'è di tutti i tipi, di tutti i colori, di tutte le forme e di tutti i materiali e vanno bene per grandi e piccini. Le possibilità sono infinite e ci si può sbizzarrire alla grande.


Qui troverete solo alcuni esempi di cake toppers e di cake bunting banners, altamente consigliati per chi non ha voglia, tempo o non si sente di cimentarsi in decorazioni di alta pasticceria. 
Anche una semplice torta avrà così un aspetto fresco ed originale e soprattutto, realizzando prima il cake topper, non ci sarà bisogno di ridursi all'ultimo momento per decorare la torta.

SOPRA - da sinistra verso destra:
1. bandierine in tessuto, personalizzate con il nome - 2. bandierine con nastrini colorati - 3. palloncini cake toppers
SOTTO - da sinistra verso destra:
4. pom pom di lana - 5. aquiloni di carta - 6. nappine colorate

SOPRA - da sinistra verso destra:
7. bandierine con carta riciclata e bottoni - 8. cuori glitterati - 9. stelle di tessuto
SOTTO - da sinistra verso destra:
10. bandierine e pom-pom - 11. stelle glitterate e nettapipe - 12. cannucce e lettere

SOPRA - da sinistra verso destra:
13. girandole di carta - 14. pom pom di carta - 15. pom pom di lana
SOTTO - da sinistra verso destra:
16. cuori all'uncinetto - 17. ventagli di carta - 18. cuori ad origami

Ed infine qualcosa fatto da me!
da sinistra verso destra:
19. pom pom in carta crespa - 20. bandierine di carta colorata


Che ne dite? Verrebbe voglia di festeggiare persino un "non-compleanno", non credete?

BUON W-END!

domenica 16 marzo 2014

Pizza-piadina per il papà


Da noi la Festa del Papà è stata anticipata oggi e meno male. Davvero una bella domenica!
Difficilmente avrei potuto fare qualcosa in un giorno lavorativo, nè avremmo potuto goderci così lo stare insieme.
In realtà quest'anno pensavo che mi sarei fatta da parte e che, per il lavoretto del papà, ci avrebbe pensato Alessio, visto che comincia ad essere grandicello. Troppo pretenziosa? Beh forse. Però l'idea era infatti di fare insieme (più o meno) qualcosa di molto diverso. Glielo chiedevo da giorni, ma "l'artista" non produce a comando... del resto così è e la creatività quando viene viene, anche se in effetti il fanciullo sembra essere interessato a ben altro.
Così ho optato per la soluzione più mangericcia e golosa che mi venuta in mente!
PIADINA - PIZZA ------> PAPA'
Come si fa?
Mi sembra che sia piuttosto intuitivo, no? Semplice, sbrigativa e di sicura riuscita.
La I l'ho condita con scamorza, pesto e fagiolini.
Il cuore è condito con una base di scamorza e della salsa di pomodoro al basilico.
La piadina-pizza-papà è condita con salsa, mozzarella, scamorza, salame, peperoni, olive, fagiolini e broccoli.
Le verdure sono state precedentemente cotte al vapore. E la piadina-pizza si cuoce in forno per circa 6-7 minuti.
Il nostro Papino è rimasto mooooolto contento!
Provate e fatemi sapere! ;-)
Alla fine però qualcosina "l'artista" l'ha concessa, dai! ;-)

BUON INIZIO SETTIMANA E BUONA FESTA DEL PAPA'!

venerdì 14 marzo 2014

Crocchette di piselli e pesto

Ultimamente non capita spesso di avere avanzi in frigorifero da dover consumare prima possibile. Da una parte sono contenta, perchè vuol dire che facciamo la spesa in modo oculato e che riusciamo a consumare il cibo in tempo e senza sprechi; dall'altra così però ho meno possibilità di divertirmi ad inventare nuove ricette "svuotafrigo" con quel che c'è. Stavolta però c'era quella confezione di pesto che andava consumata quanto prima. Il pesto già pronto sinceramente a me non fa per niente impazzire; lo compro solo perchè Alessio me lo chiede spesso e, visto che non sono molte le cose che gli piacciono, perchè negarglielo? E poi, avendoli provati tutti, ne abbiamo trovato uno che effettivamente non è poi così male, rispetto agli altri.
Inoltre, un'altra cosa che non manca mai sono i pisellini, che bene o male possono salvare una cena del "pargolo", e che con il pesto ci stanno proprio bene. Quindi, ecco cosa ho pensato di fare!


Sono venute davvero bene e sono buone sia calde che fredde!

Crocchette di piselli e pesto
Impasto:
450 gr circa di pisellini surgelati
5 fette di pancarrè
1 tuorlo
4 cucchiai di pangrattato
4 cucchiai di parmigiano grattugiato
2 cucchiai di Auricchio stagionato grattugiato (o altro formaggio saporito)
2 cucchiai di pesto di basilico
latte
prezzemolo
sale 
pepe

Panatura:
2 albumi*
pangrattato 
olio di semi

Ho tolto la crosta dalle fette di pancarrè, le ho tagliate a cubetti e le ho messe ammollo nel latte.
Ho lessato in acqua calda salata i pisellini, li ho scolati e ne ho frullato i 2/3 insieme al pesto.
Ho messo in una terrina il composto di piselli e pesto, al quale ho aggiunto i piselli interi rimanenti, il pancarrè ben strizzato, il tuorlo, i formaggi grattugiati, il pangrattato, il prezzemolo, il sale ed il pepe ed ho amalgamato bene tutti gli ingredienti.
Ho fatto riposare il composto per circa un ora. Poi ho formato dei piccoli cilindri che ho passato tutti nel pangrattato.
Ho sbattuto i 2 albumi, ho passato le crocchette negli albumi* e subito dopo nel pangrattato, creando una panatura compatta ma non di eccessivo spessore (quindi attenzione a non esagerare con il pangrattato).
Poi ho fritto le crocchette in olio di semi ben caldo.

*Probabilmente vi avanzerà un po' di albume, solo che ho visto che 1 solo non basta per la panatura di tutte le crocchette. Regolatevi di conseguenza.

Io ho accompagnato le crocchette con una semplice salsina al basilico, che si abbina veramente bene!



BUON W-END DI SOLE E DI PRIMAVERA (Speriamo!) A TUTTI!!!

mercoledì 12 marzo 2014

Crema di porri con frittata alla paprika, gamberi e porri fritti

Mentre mi rimetto in pari ad inserire nell'elenco tutte le vostre adesioni partecipanti al Concorso di idee - Feste per bambini (anzi, un grosso GRAZIE per esservi letteralmente scatenate a segnalare i vostri lavori!!! Olè!!!)...
                                    ... vi racconto di questa zuppetta sostanziosa ed appagante!
Ma voi che rapporto avete con i carboidrati? Beh, io li amerei a dismisura, ma in realtà non me li posso molto permettere, visto che ahimè mi rimangono tutti addosso! Così a volte provo ad inventarmi qualche pasto che sia gratificante a sufficienza e che mi aiuti a limitare l'apporto dei carboidrati malefici (per me).
Qui per esempio basterebbe aggiungere, volendo (ma anche no), qualche crostino od una fetta di pane nero e vi assicuro che rimarrete soddisfatti per quello che avete mangiato!
Mangiate però tutto insieme, perchè ogni componente di questo piatto è stato pensato per avere il suo perchè e per dare sapore, consistenza e contrasto! 
Spero di esserci riuscita! ;-)


Crema di porri con frittatina alla paprika, gamberetti e porri fritti (x 3 persone)

Crema di porri:
3 grossi porri
brodo vegetale caldo
olio e.v.o.

Frittata alla paprika:
3 uova
paprika
prezzemolo
sale

500 gr di gamberi congelati già sgusciati

Porri fritti:
1/2 porro
farina
olio di semi

Ho pulito e tagliato i porri a fettine sottili e li ho stufati in padella con un po' di olio extravergine rigirandoli spesso. Ho aggiunto del brodo vegetale caldo, ho coperto ed ho fatto cuocere i porri finchè non sono diventati morbidi da disfarsi. Poi ho frullato tutto.

Ho sbattuto le uova con la paprika, il prezzemolo ed il sale ed ho fatto una frittata, arrotolandola. Ho aspettato che si freddasse un po' e l'ho tagliata a quadrotti.

Ho sbollentato in acqua bollente i gamberi per qualche minuto, li ho scolati e li ho messi da parte.

Ho affettato molto sottilmente un mezzo porro, l'ho passato nella farina e l'ho fritto in olio di semi bollente, fino a farlo dorare e poi l'ho fatto scolare su carta assorbente.

Poi ho composto il piatto, come vedete in foto.
E' buona sia calda che fredda! Provate! ;-)



Vi ricordo che siete ancora in tempo per partecipare al "Ruba la ricetta!" e proporre le vostre ricette prese dal web, testate personalmente ed approvate da voi!

Diario di una Creamamma
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...